domenica , 20 Ottobre 2019
Home > Diete > La dieta dei colori per dimagrire
dieta dei colori

La dieta dei colori per dimagrire

La dieta dei colori è un regime alimentare molto affascinante, in quanto cambia le carte in tavola e non ci impone più di ragionare contando le calorie di un determinato cibo, ma di sceglierlo in base al suo colore.

La natura ci mette a disposizione un universo cromatico incredibile e, molto spesso, un determinato colore si associa a valenze depurative, nutrienti, rilassanti e così via. La dieta dei colori chiede quindi di scegliere un colore al giorno e di consumare cibi che presentano questa tinta. Il dimagrimento diventa il frutto di una combinazione di cibi simili e anche dell’imposizione di consumare cibi freschi, cotti in modo positivo e privi di grassi, qualsiasi sia il loro colore. Vediamo assieme quali sono questi colori e come combinare i giorni della settimana per ottenere una dieta molto speciale e divertente.

I cibi bianchi sono dei cibi altamente riposanti e dedicati alla regolarizzazione del sistema cardiovascolare. Banane, aglio, zenzero, funghi, cipolle e patate appartengono a questo gruppo, per cui il giorno dedicato al colore bianco può annoverare una bella zuppa di patate, associata ad una banana al mattino e ad una vellutata di funghi alla sera.

I cibi rossi contengono licopene, un elemento che aiuta ad innalzare le difese immunitarie e che quindi si propone benefico per contrastare le patologie immuno-depressive. Molti sono i cibi rossi che la natura ci regala, dai pomodori alle ciliegie, dalle mele rosse all’anguria. I cibi rossi contengono anche importanti sostanze antiossidanti, pregiate per equilibrare i livelli di colesterolo e per scongiurare i rischi di pressione alta.

Il giorno dedicato al consumo di alimenti rossi può anche essere inteso come un giorno crudista, durante il quale consumare ottime insalatone di pomodori, barbabietole, ravanelli, alle quali accompagnare mele, ciliegie e anguria nei periodi estivi. Anche se la carne è rossa non inseriamola in questa alimentazione, in quanto non si presenta benefica in un regime di dieta depurante come quella dei colori.

I cibi gialli contengono betacarotene e rappresentano una fonte inesauribile di vitamine e fibre. Tra questi cibi annoveriamo il grano, la zucca, i frutti a pasta gialla come le pesche e le albicocche e le verdure come le carote. Che ne dite di una bella porzione di grano cotto con carotine e di una saporita vellutata di zucca? Il tutto si completa con una pesca al mattino e con un paio di albicocche a metà pomeriggio.

I cibi verdi sono grandi amici del sangue, perché contengono sali minerali importanti, la vitamina K e la luteina e la clorofilla. I cibi verdi sono soprattutto le verdure a foglia, le zucchine, gli asparagi, i carciofi, la famiglia dei cavoli e dei broccoli, nonché l’uva. Divertiamoci a comporre la nostra dieta giornaliera con questi alimenti, depuranti e amici dell’organismo.

I cibi blu e viola sono molto speciali, in quanto associano ad un apporto di vitamine l’introduzione di sali minerali anche rari. Melanzane, rape, ravanelli si accompagnano quindi a frutti di bosco, a benefiche prugne e alla fantastica uva nera, ricca di polifenoli e di elementi disintossicanti.

La dieta dei colori prevede, quindi, che ogni giorno della settimana sia contraddistinto dal consumo di alimenti di un certo colore. Libertà assoluta nella scelta dei giorni, ad esempio il lunedì può essere bianco, il martedì arancione e così via, secondo le disponibilità e la propria volontà. Sicuramente non si possono eliminare i carboidrati dalla dieta e neanche le proteine, per cui è importante inserire ogni giorno una piccola porzione di pasta o riso integrale, un po’ di carne e pesce leggero, da accompagnare alle verdure e alla frutta del colore prescelto. Le porzioni chiedono di essere piccole, mentre si può abbondare con i vegetali e con la frutta del colore scelto.

La dieta dei colori può rappresentare un regime dietetico sano e facile da seguire, perché si propone completo e altamente disintossicante. Se attuato in modo intenso, quindi preferendo tante combinazioni di frutta e di verdura, è ideale proseguirla per non più di una settimana; mentre se si preferisce svolgerla in modo più lento (consigliato), questa tipologia di alimentazione può essere applicata durante tutto l’anno, scegliendo i vegetali di stagione e associandoli ad alimenti proteici e a carboidrati leggeri.

Guarda Anche

dieta dukan 7 giorni

Dieta Dukan 7 giorni: benefici e controindicazioni

La dieta Dukan 7 giorni è una rivisitazione della dieta ideata dall'ex nutrizionista francese Pierre Dukan. Ecco perché seguirla e che cosa sapere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *