domenica , 20 Ottobre 2019
Home > Diete > La prima dieta scientifica contro la pancia gonfia
dieta pancia gonfia

La prima dieta scientifica contro la pancia gonfia

Molte persone nel mondo soffrono di gonfiore addominale, ovvero hanno la pancia gonfia e faticano a digerire in modo corretto. Si tratta di un vero e proprio disturbo che spesso si lega a una cattiva alimentazione, all’abuso di cibi grassi e zuccherini e al consumo abituale di bevande gassate, ma che può avere origine anche dalla sedentarietà.

Molte diete si impegnano ad agire sul fronte dell’eliminazione del gonfiore addominale, ma ora è arrivata una dieta molto speciale, elaborata dall’Università di Roma La Sapienza che si impegna scientificamente a far diminuire il gonfiore attraverso l’alimentazione.

La dieta ‘sgonfia pancia’ – così è stata ribattezzata – ha richiesto ben due anni di gestazione e di prove sul campo e molto spesso si è impiegato il metodo ‘cieco’, ovvero i medici non sapevano quali soggetti stessero effettivamente seguendo l’alimentazione prescritta, per capire in modo ancor più sicuro il suo funzionamento.

Si tratta di un periodo di tempo davvero lungo per lo studio di diete dimagranti, ma questa alimentazione mira a fare molto di più, in quanto si tratta di una dieta super personale, cucita su misura delle esigenze delle persone e che considera ogni singolo aspetto nutritivo degli alimenti inseriti nel piano.

Alla base di questa alimentazione vi è l’eliminazione dei cosiddetti alimenti FODMAP, ovvero di tutti quei cibi che fermentano nello stomaco e quindi danno origine al gonfiore addominale. Gli studiosi li hanno analizzati uno a uno e hanno evidenziato che togliendoli o riducendoli dall’alimentazione i risultati ottenibili sono molto positivi.

Ma di quali cibi si tratta? Innanzitutto si tratta dei cibi che contengono grandi quantità di oligosaccaridi come i legumi, ma anche di verdure come i carciofi, i broccoli e l’aglio e di frutta come l’anguria e i cachi, le mele, le pesche, le pere e i manghi, che contengono troppo fruttosio.

Nel banco degli imputati son finiti anche i latticini che a causa del lattosio provocano una forte fermentazione e i cereali come il frumento e la segale. Colpevoli del gonfiore sono anche i polioli contenuti nelle ciliegie, nelle susine, nei cavoli e anche nei funghi, nonché tutti i dolcificanti che finiscono in -olo.

Eliminando questa tipologia di alimenti dalla propria dieta e combinandola con cibi personalizzati, con metodi di cottura salubri e con la pratica di svolgere della sana attività fisica si possono ottenere dei risultati molto importanti, come il 40% in meno di pancia gonfia nell’arco del primo mese in cui si pratica la dieta.

Il miglioramento prosegue con il passare del tempo, poiché dopo sedici mesi il gonfiore diminuisce del 66%. Anche il dolore addominale legato al gonfiore cala drasticamente: dopo il primo mese viene avvertito per il 40% in meno e dopo sedici mesi viene dimezzato.

Si tratta di risultati molto speciali, i quali sono stati illustrati a Expo Italia nel padiglione Italia dal suo creatore, il dottor Enrico Stefano Corazziari, che ha portato la ricerca anche negli States, dove l’ha esposta in occasione della Digestive Disease Week di Washington.

Guarda Anche

dieta dukan 7 giorni

Dieta Dukan 7 giorni: benefici e controindicazioni

La dieta Dukan 7 giorni è una rivisitazione della dieta ideata dall'ex nutrizionista francese Pierre Dukan. Ecco perché seguirla e che cosa sapere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *