sabato , 14 Settembre 2019
Home > Diete > La dieta senza scorie per dimagrire
dieta senza scorie

La dieta senza scorie per dimagrire

Spesso la dieta senza scorie viene messa in atto prima di effettuare dei particolari esami, i quali richiedono che l’intestino sia pulito. Le scorie sono degli elementi che l’organismo non assorbe completamente e che quindi vengono eliminate con le feci. Per questo motivo, prima di effettuare certi esami viene richiesto di portare avanti una dieta espressamente liquida e quindi priva di alimenti contenenti scorie.

Quali sono gli alimenti adatti per una dieta senza scorie?

Si tratta degli alimenti che contengono le fibre e quindi i legumi, i cereali integrali, la frutta e la verdura. Le scorie derivano dalla fibra alimentare, chiamata anche fibra dietetica.

Chi sceglie di portare avanti questa dieta a scopi dimagranti deve prestare molta attenzione, in quanto gli alimenti che contengono le fibre sono essenzialmente la frutta e la verdura, i carboidrati che contengono i grassi idrogenati e tutti gli alimenti e i cibi dall’elevato potere osmotico. Quest’ultimi hanno la facoltà di far inglobare troppa acqua nell’intestino per portare avanti le azioni di dissoluzione. Si tratta, nel particolare, di dolci, gelati, marmellate e cioccolato. Le fibre sono contenute inoltre nei salumi e nei formaggi stagionati, negli alimenti preparati con procedimenti complessi (paste elaborate e ripiene ad esempio) e nel latte intero.

Ma quali sono quindi i cibi che possono essere consumati?

Essenzialmente si tratta di carni bianche, quali il pollo e il tacchino e del pesce in generale. Le carni rosse consentite sono la bresaola e il prosciutto crudo, a patto che venga sgrassato con cura. Per quanto riguarda i latticini sono da preferire le varianti magre, evitando assolutamente le versioni stagionate o cotte. I carboidrati possono essere attinti da qualsiasi forma non integrale, quindi è possibile mangiare pane, pasta e riso. La frutta e la verdura sono vietate, così’ come i legumi. Ammesse le patate, ma consumate in quantità minima.
Per quanto riguarda le bevande è necessario bere acqua naturale e tè, mentre tutte le altre bibite sono vietate.

Ma la dieta senza scorie fa dimagrire?

Probabilmente la riduzione di certi alimenti porta a sgonfiare l’organismo, ma non introdurre frutta e verdura è un rischio molto alto per l’organismo. Non a caso questa dieta viene scientificamente prescritta per periodi di due o tre giorni, in previsione delle analisi che devono essere eseguite.

Lo scopo dell’eliminazione delle scorie risiede nella depurazione totale dell’intestino, ma togliere le fibre dall’alimentazione è una pratica che non può essere protratta nel tempo. Se, da un lato, la riduzione degli alimenti elaborati, dei salumi e dei formaggi stagionati è positiva, dall’altra mancano i nutrienti che donano l’apporto di vitamine e sali minerali, ovvero la frutta e la verdura.

La dieta senza scorie deve quindi essere portata avanti sotto l’assoluto controllo medico, in quanto è votata a depurare l’intestino ma il suo effetto in tempi prolungati potrebbe non essere salutare. Il medico dietologo può consigliare una terapia d’urto, da applicare nella prima settimana, per poi prescrivere un’alimentazione meno ristretta.

L’iniziale periodo di disintossicazione dalle scorie aiuta infatti a depurare l’organismo, ma può dare vita a fenomeni di stipsi e a problemi di natura intestinale. L’intestino e l’intero apparato digerente hanno bisogno di stabilizzarsi, per cui ogni azione deve essere svolta sotto completo controllo del dietologo o del medico nutrizionista, per depurare l’organismo in modo positivo e portare avanti un dimagrimento sano e intelligente sotto ogni punto di vista.

Guarda Anche

dieta dukan 7 giorni

Dieta Dukan 7 giorni: benefici e controindicazioni

La dieta Dukan 7 giorni è una rivisitazione della dieta ideata dall'ex nutrizionista francese Pierre Dukan. Ecco perché seguirla e che cosa sapere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *