sabato , 21 luglio 2018
Home > Salute > Intestino, la funzione dei fermenti lattici vivi
bifidus actiregularis

Intestino, la funzione dei fermenti lattici vivi

Il consumo di alimenti contenenti fermenti lattici è ormai entrato nelle abitudini quotidiane. Lo yogurt è fra i prodotti più in voga. Naturale o ai gusti di frutta è scelto perché i fermenti che contiene favoriscono il benessere della flora intestinale.

Una caratteristica fondamentale che rende efficaci i fermenti lattici è il fatto di arrivare vivi all’intestino. Questi prendono il nome di probiotici e si distinguono dai comuni fermenti. Tra quelli che possiedono tale proprietà, c’è il bifidus actiregularis.

In una dieta equilibrata il suo consumo aiuta l’intestino a mantenere sana la flora batterica. Questo è un elemento essenziale per contrastare i comuni disturbi legati all’apparato intestinale come stitichezza, diarrea, gonfiore, colite.

Il bifidus actiregularis è il nome che Activia ha scelto per indicare il fermento Bifidobacterium Lactis (DN -173010). Nella preparazione dello yogurt suddetto è utilizzato un particolare ceppo di questo fermento. Insieme al bifidus sono contenuti altri due fermenti, presenti anche in altri yogurt, lo Streptococcus thermophilus e il Lactobacillus bulgaricus. La differenza è data proprio dal bifidus che arriva vivo all’intestino con i benefici che ne seguono.

Come agiscono i probiotici? La loro particolarità è di colonizzare l’intestino di nuovi batteri buoni. Il bifidus esegue questa colonizzazione nella parte superiore dell’intestino tenue. Va detto che il nostro intestino è popolato da miliardi di microrganismi appartenenti a più di cinquecento specie. Fra questi troviamo quelli buoni ma anche i batteri cattivi, chiamati patogeni.

I sintomi di malessere intestinale ci avvisano che i microrganismi patogeni hanno preso il sopravvento sui batteri buoni che hanno, quindi, bisogno di sostegno per fronteggiare l’attacco. L’assunzione di fermenti lattici serve appunto per andare in soccorso dei batteri buoni. Una volta arrivati nell’intestino servono a moltiplicarli riportando così l’equilibrio della flora intestinale.

Il consumo regolare di alimenti contenenti fermenti lattici aiuta a mantenere questo equilibrio. In alcuni casi il medico o il farmacista potrebbero consigliare l’assunzione di integratori che li contengono. Insieme a yogurt e altri cibi ricchi di fermenti, è importante adottare un’alimentazione sana.

I probiotici per essere efficaci al massimo hanno bisogno del sostegno dei prebiotici che sono il loro nutrimento. Con questo termine si indicano gli alimenti ricchi di fibra, quindi principalmente frutta e verdura. È consigliato mangiare quotidianamente questi cibi, le porzioni ideali sono al giorno due di frutta e tre di verdura. Troviamo la fibra anche in altri alimenti come legumi e frutta secca.

Guarda Anche

colesterolo alto

Colesterolo alto, come combatterlo

Cambiare le abitudini alimentari è il primo consiglio dato da medici ed esperti quando le analisi del sangue registrano valori alti di colesterolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *