sabato , 15 dicembre 2018
Home > Salute > Colesterolo alto, come combatterlo
colesterolo alto

Colesterolo alto, come combatterlo

Come combattere il colesterolo alto? Cambiare le abitudini alimentari è il primo consiglio dato da medici ed esperti quando le analisi del sangue registrano valori alti di colesterolo, prima ancora di prescrivere dei farmaci o comunque in associazione a questi.

Di fronte al suggerimento di stare attenti alla dieta, il paziente è spesso preso dallo sconforto perché immagina di dovere rinunciare al gusto. Non è così. Si può mangiare sano e con gusto.

Prima di elencare alcune semplici regole utili per la dieta, spieghiamo che cosa è il colesterolo alto. Si parla di livelli alti di colesterolo quando questo grasso naturalmente presente nel nostro organismo supera determinati parametri. Le analisi del sangue mostrano i valori di tre componenti: colesterolo totale, colesterolo LDL (conosciuto come cattivo) e colesterolo HDL (anche detto buono). Il primo è alto quando supera i 200 mg/dl e quello LDL nel momento in cui è superiore a 130 mg/dl. Per una buona salute è dunque fondamentale che colesterolo totale e LDL siano inferiori a questi parametri e che, nello stesso tempo, il colesterolo buono (HDL) parta da valori minimi di 50 mg/dl.

Quando il colesterolo è alto, i vasi sanguigni possono ostruirsi e ciò fa rischiare l’insorgere di malattie del sistema cardiocircolatorio con pericolo di infarto e ictus. Un’alimentazione equilibrata insieme con abitudini di vita sane aiuta a far tornare il colesterolo alto a parametri normali e migliorare, di conseguenza, la nostra salute.

Il colesterolo alto si combatte a tavola limitando il consumo di cibi ricchi di grassi saturi e di grassi trans. Quali sono? Facciamo qualche esempio. Tra gli alimenti contenenti grassi saturi troviamo quelli di origine animale come la carne rossa e gli insaccati, i cibi con grassi trans sono le fritture, i prodotti da forno confezionati, le margarine. Il consumo giornaliero di grassi saturi non deve superare il 10%. A burro e margarina preferiamo come condimento l’olio extra vergine di oliva. Alla carne rossa alterniamo quella bianca e mangiamo pesce tipo tonno e merluzzo, salmone anche ricchi di omega 3.

Vanno consumati in abbondanza frutta e verdura, due o tre porzioni al giorno di entrambe, perché sono alimenti ricchi di fibra e questa limita a livello intestinale l’assorbimento del colesterolo. Per la stessa ragione largo ai cereali nella dieta quotidiana e a pasta e pane integrali.

Infine è necessario fare attenzione al consumo di bevande alcoliche. Evitare il fumo e dedicare del tempo all’attività fisica.

Guarda Anche

fermenti lattici

L’efficacia dei fermenti lattici

Per il benessere dell'intestino è fondamentale osservare una dieta ricca di fibre, cercando di limitare per quanto possibile cibi grassi ed elaborati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *