sabato , 21 aprile 2018
Home > Salute > L’efficacia dei fermenti lattici
fermenti lattici

L’efficacia dei fermenti lattici

Per il benessere dell’intestino è fondamentale osservare una dieta ricca di fibre, cercando di limitare per quanto possibile cibi grassi ed elaborati.

La regola dovrebbe essere quella di seguire un’alimentazione equilibrata, ma questo non sempre accade per via della routine frenetica. Il nostro intestino è fra gli organi che per primo risente di mancanze o eccessi alimentari e può accusare problematiche come gonfiore addominale, colite, stitichezza o diarrea. Queste difficoltà sono dovute a uno squilibrio della flora intestinale. Quando succede, è necessario correre ai ripari assumendo i fermenti lattici. Questi sono batteri già presenti nel nostro intestino, si dividono in batteri buoni e nocivi. Quando i batteri nocivi sono in maggioranza, soffriamo delle problematiche accennate sopra. È quindi necessario dare una mano al nostro intestino integrandoli dall’esterno.

Oltre agli integratori, prescritti dal medico o consigliati dal farmacista, possiamo aiutare il nostro intestino seguendo un’alimentazione sana. Un alimento ricco di fermenti lattici è lo yogurt. Prendere l’abitudine di mangiarlo a colazione può aiutarci a risolvere i nostri problemi intestinali.

Gli yogurt contengono differenti fermenti lattici. Fra i batteri più comuni ci sono il Lactobacillus bulgaricus e lo Streptococcus thermophilus. Affinché uno yogurt sia efficace, è importante che contenga batteri che arrivano vivi all’intestino. Tale è, ad esempio, lo yogurt Activia che contiene i due fermenti citati più un terzo, il Bifidus Actiregularis. Questo yogurt ha una particolare preparazione per garantire il massimo risultato dei fermenti lattici presenti.

Per ristabilire la flora intestinale è necessario anche modificare tutta la nostra alimentazione. Abbiamo accennato all’importanza delle fibre per la regolarità intestinale. Non dobbiamo farci mancare ricche porzioni di frutta e verdura ogni giorno e durante i pasti principali (pranzo e cena). Il metodo di cottura da preferire per i vari cibi deve essere sano, quindi evitare intingoli e preferire la cottura a vapore e alla piastra.

Ricchi di fibre sono anche i cereali. Possiamo mangiarli a colazione o durante la giornata come snack. Ottimo è anche il pane ai cereali, così la pasta integrale e il riso. Buoni e sani sono anche altri cereali come farro e orzo da gustare magari in una buona zuppa di legumi. Per quanto riguarda la carne, preferiamo quella bianca. Integriamo la nostra dieta anche con il pesce, ricco di omega 3.

Mangiare fibre è fondamentale non soltanto per il benessere intestinale ma per tutto il nostro organismo perché aiuta a combattere colesterolo cattivo, diabete e malattie cardiovascolari.

Guarda Anche

colesterolo alto

Colesterolo alto, come combatterlo

Cambiare le abitudini alimentari è il primo consiglio dato da medici ed esperti quando le analisi del sangue registrano valori alti di colesterolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *